SUAP

Siti tematici


Per informazioni


Home > SUAP

In Evidenza

Macellazione per il consumo privato delle carni e macellazione domiciliare dei suini e degli ovini- caprini

Con comunicazione del 14 novembre 2016 l’Azienda USL Toscana Nord Ovest ha comunicato le novità in materia che vanno a sostituirsi a quanto contenuto nell’Ordinanza

Si segnala in primo luogo che:

Tutte le comunicazioni relative alla macellazione – redatte sulla apposita modulistica non dovranno più essere trasmesse al Comune ma dovranno essere inviate  con un preavviso di almeno 72 ore a :

 

PRIMI INDIRIZZI OPERATIVI PER LO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE REGIONALI IN MATERIA DI AMBIENTE

Si pubblica il comunicato

 

Immobili soggetti alle disposizioni del D. Lgs. 42/2004 - Circolare Ministeriale 15/2015 Segretariato Generale della Toscana.
Nuovi allegati obbligatori alla documentazione da inoltrare alla Soprintendenza per l’espressione del parere.

Si pubblica la Scheda sinottica dell’intervento

 

Deroga definitiva ai requisiti delle piscine ad uso natatorio art. 51 del d.p.g.r. 23/R/2010

Si pubblica il modulo per presentazione istanze aggiornato

 

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI COMUNI A PIU’ AREE DI ATTIVITA’ DELLA PREVENZIONE COLLETTIVA

Si pubblica il tarriffario aggiornato -

 

PROCEDURE PER RICONOSCIMENTO DI STABILIMENTI POLLAME E UOVA

Nota della Regione Toscana

Allegato 1

Allegato 2

 

PISCINE - modifiche al regolamento della Regione Toscana

Con il  DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 13 maggio 2015, n. 54/R sono state approvate le modifiche al Regolamento di attuazione della L.R. 9 marzo 2006 n.8 come modificata dalla L.R. 23.12.2014 n. 84

Le piscine in esercizio  e quelle esistenti (per le quali cioè è stato conseguito titolo autorizzatorio edilizio conforme alla normativa previgente) dovranno adeguarsi  entro il 31 marzo 2016 alle disposizioni della L. 8/2006 e del relativo regolamento di attuazione

Si segnala altresì che  entro la data del  30 Settembre 2015:

D.P.G.R. 26 febbraio 2010 n. 23/R (testo coordinato)

D.P.G.R. 13 maggio 2015, n. 54/R ( modifiche)

 

NOTIFICA IN MATERIA DI IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI

Si pubblica per estratto – in aggiornamento delle precedenti note e avvisi - comunicazione dell’Azienda USL n. 2 relativa alle procedure riguardanti la Notifica in materia di igiene dei prodotti alimentari operative dal 15 gennaio 2015

 

INOLTRO PRATICHE SUAP DI COMPETENZA AZIENDA USL 2 LUCCA

Viste le note trasmesse dall'Azienda USL n.2 Lucca 27179/2014 e 34102/2014  si invitano professionisti ed imprese a trasmettere le pratiche SUAP che includono procedimenti diretti all’USL come descritti nella nota, utilizzando il portale regionale.
Si allega:
 
L’ufficio resta a disposizione per chiarimenti e informazioni -

 

Verbale conclusivo della Conferenza dei Servizi

In merito alla realizzazione dei lavori di ampliamento di fabbricato ad uso uffici - Ditta ROCCA PAPER MILL S:r.L.

VERBALE

 

Macellazione domiciliare per il consumo privato delle carni, stagione 2014-2015

Ordinanza N.42 del 09/10/2014

 

CHIARIMENTI MISE

Il MISE fornisce chiarimenti sull'obbligo di iscrizione della PEC delle imprese individuali e delle società nel registro delle imprese, in relazione all'iscrizione della medesima PEC su due distinte persone giuridiche.

Circolare MISE

 

DECRETO CAPANNONI INDUSTRIALI

È stato pubblicato il decreto 18 aprile 2014 con allegato il modello unico nazionale da utilizzare per la notifica delle informazioni da trasmettere all'organo di vigilanza in caso di costruzione e di realizzazione di edifici o locali da adibire a lavorazioni industriali, nonché nei casi di ampliamenti e di ristrutturazione di quelli esistenti.

Decreto

Modello Unico

 

OBBLIGHI DEI PROPRIETARI / GESTORI DI CASE E APPARTAMENTI PER VACANZE E AFFITTACAMERE DAL 05 MAGGIO 2014

Comunicazione della Questura di LUCCA

 

COMUNICAZIONE: SCIOGLIMENTO DELLA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

Si informa che, in concomitanza con l’istituzione del nuovo Comune di Fabbriche di Vergemoli e la soppressione dei Comuni di Fabbriche di Vallico e di Vergemoli, dalla data del  01 GENNAIO 2014 la gestione dei procedimenti inerenti le attività produttive come definite e regolate dal DPR 160/2010, già localizzate nel   territorio del Comune di Fabbriche di Vallico , ivi compresi i procedimenti avviati ed in corso di istruttoria presso codesti Enti,  come indicato nella nota a firma del Sindaco Oreste Giurlani del 17.12.2013 che si allega è svolta  unicamente da: 

Servizio Associato della Unione Comuni Garfagnana

Via Vittorio Emanuele, 9 55032 Castelnuovo Garfagnana (LU)
Tel. 0583.644911
Fax 0583.644901
Pec: ucgarfagnana@postacert.toscana.it
Sito Web http://www.ucgarfagnana.lu.it
E mail suap@ucgarfagnana.lu.it
Portale: https://suap.retepalucca.it/ambito/7

al quale pertanto dovrà essere fatto riferimento per ogni comunicazione.

 

Individuazione delle date di inizio e della durata delle vendite di fine stagione per l'anno 2014

Si informa che con Delibera GRT n. 942 del 11/11/2013 la Regione Toscana ha fissato per l’anno 2014, le date di inizio delle vendite di fine stagione: dal primo giorno feriale antecedente l’Epifania per le vendite di fine stagione invernale e dal primo sabato del mese di luglio la data di inizio delle vendite di fine stagione estiva La durata delle vendite di fine stagione è di sessanta giorni dalla data di inizio.

 

Macellazione domiciliare per il consumo privato delle carni, stagione 2013-2014 (Ordinanza N.40 del 15/10/2013)

Istruzioni dell'Azienda USL N.2 LUCCA

 

Dal 26 giugno 2013 nuovi importi per l'imposta fissa di bollo

Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n. 147 del 25 giugno 2013 della Legge di conversione n. 71 del 24 giugno 2013, con modificazioni, del Decreto-Legge n. 43/2013, le misure dell’imposta fissa di bollo attualmente stabilite in euro 1,81 e in euro 14,62, ovunque ricorrano, aumentano rispettivamente a  euro 2,00 e a euro 16,00.

L’imposta di bollo ora stabilita nella misura fissa di € 2,00 (anziché 1,81) è applicabile, in particolare, su:

L’imposta di bollo ora stabilita nella misura fissa di € 16,00 (anziché 14,62) è quella applicabile, invece, sugli atti pubblici e sulle scritture private autenticate, ovvero per la bollatura dei libri sociali.
 
Si precisa, inoltre, che NON  sono interessati dall'aumento dell'imposta di bollo gli atti "finalizzati",  cioè conclusi fino al 25.06.2013, anche se presentati ad un ufficio pubblico per la registrazione in data successiva all'aumento.
 
Le marche da bollo  NON DI MISURA FISSA per atti specifici  non sono interessate dall'aumento ( ad es. disegni, calcoli, modelli di geometri, architetti, ingegneri e contabili  restano di 0,52 centesimi così come per l' iscrizione al Registro delle imprese il bollo è di € 17,50)

 

Dal 20 giugno 2013 disponibile la nuova banca dati INI-PEC su:

http://www.inipec.gov.it/web/guest

Dove sono reperibili oltre 3 milioni e mezzo di indirizzi PEC di:

 

Entra in vigore l'Autorizzazione Unica Ambientale - AUA

È stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 124 (suppl. ord. n. 42) il D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59 recante “Disciplina dell’autorizzazione unica ambientale e semplificazione di adempimenti amministrativi in materia ambientale gravanti sulle piccole e medie imprese e sugli impianti non soggetti ad autorizzazione integrata ambientale”.

Il Regolamento entra in vigore il 13 giugno 2013.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 15 febbraio 2013, in via definitiva, il regolamento che disciplina l'Autorizzazione Unica Ambientale (AUA). Il regolamento attua la legge n. 35 del 2012 (“Semplifica Italia”) nella parte in cui introduce l’autorizzazione unica ambientale tra gli strumenti di semplificazione per le PMI. L’AUA semplifica notevolmente gli adempimenti amministrativi, in particolare per le piccole e medie imprese. Oggi, infatti, le norme ambientali costringono le imprese a rivolgersi ad amministrazioni diverse (Regioni, Province, Comuni, ARPA ecc.) per ottenere le autorizzazioni ambientali necessarie all’attività produttiva; il quadro è ulteriormente complicato dal fatto che queste autorizzazioni hanno periodi di validità differenti. La nuova Autorizzazione sostituisce fino a sette procedure diverse (ad esempio: l’autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali, l’autorizzazione alle emissioni in atmosfera, la documentazione previsionale di impatto acustico etc.). Basterà un’unica domanda da presentare per via telematica allo Sportello Unico per le attività produttive (SUAP) per richiedere l’unica autorizzazione necessaria. Le Regioni potranno estendere ulteriormente il numero degli atti compresi nell’AUA. La certezza dei tempi è garantita: in caso di mancato rispetto dei termini è previsto il ricorso ai poteri sostitutivi. Sarà inoltre effettuato un monitoraggio sull’attuazione dell’autorizzazione unica, in collaborazione con le associazioni imprenditoriali. Gli elementi essenziali dell’autorizzazione sono tre:

  1. è rilasciata da un unico ente e sostituisce tutti gli atti di comunicazione, notifica e autorizzazione previsti dalle norme vigenti in materia ambientale;
  2. il procedimento di rilascio dell’autorizzazione si basa sul principio di proporzionalità degli adempimenti amministrativi in relazione alla dimensione dell’impresa e al settore di attività, sull’esigenza di tutela degli interessi pubblici e sulla necessità di non introdurre maggiori oneri a carico delle imprese;
  3. è prevista una procedura semplificata anche per il rinnovo dell’autorizzazione: se le condizioni di esercizio sono rimaste immutate è sufficiente la presentazione di una istanza con una dichiarazione sostitutiva. Durante il tempo necessario per il rinnovo, l’esercizio dell’attività può proseguire sulla base dell’autorizzazione precedente.

Per approfondimenti: DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

Il testo del D.P.R.13 MARZO 2013 N. 59

 

E’ entrata in vigore sabato 8 giugno 2013 la nuova legge regionale toscana sugli ACCONCIATORI che aggiorna la disciplina normativa in materia.

LEGGE REGIONALE 3 giugno 2013, n. 29 Norme in materia di attività di acconciatore

 

Imposta di bollo: segnalazione certificata inizio attività e altri atti previsti per l’esercizio di attività soggette alle visite e ai controlli di prevenzione incendi.

Specifiche dell’Agenzia delle Entrate

 

torna indietro